Domenica 2 ottobre – ore 17 Concerto per Organo Mélanie Barney

melanie-barney

 

PROGRAMMA

LOUIS VIERNE  da Pièces de Fantaisie, Deuxième Suite Op. 53:
(1870 – 1937)  – Hymne au Soleil (n. 3)
                           – Clair del Lune (n. 5)
                             da Pièces de Fantaisie, Troisième Suite Op. 54:
                            – Carillon de Westminster (n. 6)
RICHARD WAGNER  da Tristano e Isolda:
(1813 – 1883)  Prelude, trascrizione di John E. West

 GUSTAV HOLST  da The Planets:
 (1874 – 1934)  Jupiter

EDWARD ELGAR  da Enigma variations Op. 36:
(1857 – 1934)  – Nimrod (n. 9), trascrizione di Robert Grower

CHARLES-MARIE WIDOR  dalla Sinfonia n. 5 Op. 42:
(1844 – 1937)       Toccata (n. 1)     

 

MÉLANIE BARNEY
(Canada)

Mélanie Barney è artista di grande sensibilità e virtuosità. Con un’affinità verso il repertorio orchestrale pari a quella che ha per l’organo, è riuscita ad infondere una “nuova vita” al suo strumento attraverso la passione per le trascrizioni che, con frequenti deviazioni dal repertorio tradizionale, hanno reso l’organo più accessibile al grande pubblico. Per lei, l’organo è un’orchestra in sé, e i critici sono unanimi nel lodare il suo talento di vera colorista: le molteplici possibilità di fusione dei vari registri sono sempre sfruttate con rigore e ingegno.Diplomatasi nel 2001 con Jean Le Buis al Conservatoire de musique de Montréal, dove la  commissione all’unanimità le ha assegnato il primo premio con lode, ha partecipato a masterclass con Pierre Perdigon, George Bessonnet, Alan Morrison e Jean-Guy Proulx.  Finalista e vincitrice di premi in diversi concorsi musicali (tra i quali Radio-Canada Jeunes Artistes del 2003, ed il Canadian Music Competition con il primo premio nel 2001 e nel 2002).Alla fiorente attività concertistica in Canada affianca tournée in tutto il mondo e particolarmente in Francia, Belgio, Germania e Stati Uniti (nel 2015 il suo concerto al prestigioso Methuen Memorial Music Hall è stato entusiasticamente accolto dalla critica).  Nel 2010 è stata selezionata per il premio Classical Album of the Year all’ADISQ Gala (versione per ottoni e organo di The Planets di Holst; nel 2012 ha registrato The Power of the Organ 2, primo disco solistico nella sua carriera, che è stato accolto calorosamente dalla critica nordamericana.  Organista titolare sullo strumento Casavant nella Cattedrale di Saint-Jérôme a Laurentians, vi ha inciso nel 2015 Après un rêve con il violinista Carole Meneghel, un disco di repertorio essenzialmente romantico per violino e organo.Quest’anno, sotto la direzione dell’austriaco Christian Arming ha suonato la Messa glagolitica di Janáček con l’Orchestre Métropolitain di Montréal sull’organo Pierre-Béique presso la Maison Symphonique; nel 2016 è stata inoltre invitata in Cina, Francia, Italia, Lussemburgo e Regno Unito.
www.melaniebarney.com